MENU
Counseling in ambito sanitario

Counseling in ambito sanitario

L’applicazione dell’intervento di counseling sanitario, è inerente alla relazione tra il paziente e l’ambiente ospedaliero, alla relazione tra gli operatori delle professioni sanitarie e i pazienti/clienti,alla relazione fra operatori sanitari della stessa competenza o di competenze diverse.

Gli obiettivi del counseling sanitario sono rappresentati dal sostegno emotivo e dalla prevenzione, per promuovere la salute per favorire il benessere attraverso il potenziamento delle risorse esistenti; restituire autonomia decisionale al cliente significa ridurre la portata delle conseguenze degli interventi comunicativi del professionista ad una più ragionevole dimensione: soprattutto nel caso della comunicazione di cattive notizie.

Il counseling sanitario può diventare anche  una forma di sostegno anche per tutti quegli operatori sanitari ed assistenziali che rischiano per esempio crisi di stress a causa di un’attività che li porta costantemente ad essere in  contatto con il dolore.

 All’interno di una struttura ospedaliera sono il singolo medico o l’équipe medica ad orientare il paziente verso un intervento di counseling, perchè nell’organizzazione degli ospedali italiani non è previsto l’accesso diretto del paziente a  tale tipo di servizio.

 Il counseling è fondato sulla logica del potenziamento della “normalità”, quindi è necessario effettuare una valutazione psicopatologica preliminare dello stato mentale del paziente per escludere la presenza di gravi patologie psichiche in atto, che renderebbero difficilmente applicabile l’intervento di counseling.

Gli incontri sono  caratterizzati dalla relazione fra il counselor e il cliente all’interno di un percorso di cambiamento, orientato da un lato a sottolineare le possibilità di elaborazione autonoma del problema, dall’altro a scoraggiare le eventuali richieste di dipendenza del soggetto.

Infiene vi è la restituzione al paziente, ossia comunicare una serie di formulazioni che riguardano i vari aspetti del problema,  così da poter essere da lui utilizzate direttamente o indirettamente per affrontare meglio la malattia.

    Loading...
    Info
    Stampa